fbpx
E’ possibile evitare le forature in bicicletta solo seguendo alcuni piccoli accorgimenti, o tutto è in mano alla Dea Fortuna? Sicuramente molti ciclisti potrebbero ridurre il rischio foratura anche dell’80% seguendo piccoli consigli, e parliamo sia di bici da corsa che di mountain bike.
forare in bicicletta

STRADA:

difficile dire quale sia la causa più comune di foratura. Sicuramente la così detta “strizzata” è una tra le più comuni fra le tipologie di foratura in bicicletta. E’ fra le prime cause di appiedamento sia per il ciclista competitivo sia per chi passeggia la Domenica. Eppure, sebbene così frequente, è la tipologia più facile da evitare: la strizzata è data principalmente dall’essere incappati in una buca spigolosa o in uno scalino, e dando per scontato che non potevamo evitarlo, potevamo almeno gonfiare la gomme di più. Un semplice controllo della pressione è quello che ci salva da questo tipo di foratura! La strizzata avviene quasi sempre perché le gomme non hanno una pressione adeguata al peso dl ciclista.
Particolare più tecnico per il ciclista amatore: perdete un po’ di tempo ad imparare a casa a saltare un legnetto. Se siete in grado di saltare, anche solo con la ruota anteriore, quella mega buca che d’improvviso vi si è parata davanti, magari eviterete una foratura in più.

FUORISTRADA:

qui la strizzatura esiste solamente se non vi siete muniti di tubeless. Il tubeless significa letteralmente “senza camera d’aria”, e questo di per sé spiega tutto. Ad aggiungere valore al tubeless bisogna ricordare che vi dimenticherete le forature in bicicletta da spine. Se dobbiamo proprio trovare una pecca a questa tecnologia, possiamo dire che risulteranno lievemente più pesanti rispetto alla stessa gomma equivalente montata con camera d’aria. Ma il tempo perso per una foratura è sicuramente superiore a quello guadagnato in performance con pochi grammi.

STRADA:

viviamo in Mondo sporco. O meglio, di gente sporca, perché la sporcizia in terra la butta la gente. Ed i ciclisti ne pagano salate conseguenze quando incappano in vetri rotti. Per questo motivo bisognerebbe avere sempre un occhio pronto per vedere in terra se qualcosa luccica più del normale, ma di base evitate come la peste di passare vicino alle campane del vetro o comunque alle zone di raccolta rifiuti. Tenetevi a debita distanza.

FUORISTRADA:

pedalare in un bosco di castagni sopra ad un tappeto di ricci non è molto salutare per i vostri pneumatici; ma lo è ancora meno incappare in un tratto dove qualche sudicione ha pensato bene di rifare la strada con macerie (proibite). Eppure succede spesso, e nelle macerie quasi sempre ci sono scarti di piastrelle, taglienti come vetri, oppure chiodi da armatura. A volte fare 5 metri a piedi con la bici sollevata può evitarvi grossi fastidi.

STRADA:

la foratura semplice, quella da addebitarsi quasi solo ed esclusivamente alla sfortuna. Ma è davvero così? Per esempio, controllate costantemente l’usura dei vostri pneumatici? Più usurati sono, meno strato di gomma c’è di protezione. E ancora: le piccole forature sono spesso date da piccoli sassolini; quindi stare troppo a destra, oltre che essere pericoloso perché crea un invito alle auto a stringervi, può portarvi a forare.

FUORISTRADA:

non volete i tubeless, perché volete spendere meno, perché non vi piacciono, perché pesano….allora provate la camera d’aria antiforatura. Vi stupirà. Questo potrebbe essere un consiglio valido anche per le ciclostoriche.

STRADA E FUORISTRADA:

infine un’ultima considerazione sui pesi. Vediamo gente che rimane spesso abbagliata dalla strepitosa leggerezza di taluni pneumatici. Il calcolo matematico è semplice: meno peso uguale meno gomma; meno gomma uguale più forature. Nelle bici da corsa ci sono copertoncini che vi faranno guadagnare 30 grammi a ruota, e vi lasceranno spesso a piedi per la strada. Nella mountain bike si arriva addirittura a rischiare di farsi male: alcuni produttori per eliminare peso lavorano limando la spalla della gomma. Nel fare questo, montando un tubeless si perde robustezza proprio sulla parte laterale, e questo può portare a stallonare ed a trovarsi di colpo sotto sopra senza un copertone montato. Pensateci quando cercate la leggerezza assoluta. Meglio tendere la mano alla prestazione o alle forature in bicicletta?

ORDINA LA TUA DACCORDI

Scegli la tua bici Daccordi dalla nostra collezione. Puoi decidere di averla selezionando tra le misure standard o fatta su misura per te, per le tue caratteristiche e per il tuo stile.

ORDINA LA TUA DACCORDI

DACCORDI © COPYRIGHT – 2018 ALL RIGHTS RESERVED

Daccordi S.r.l. - Via Ilaria Alpi 26/28 - 56028 - San Miniato Basso (PI), Italy | T. +39 0571 401447 - F. +39 0571 401512 | info@daccordicycles.com | daccordi@pec.daccordicycles.com
Cap.Soc. EURO 50.000, I.V.   |   C.C.I.I.A REA 150464   |   P.Iva IT01732790504   |  Cod. Univoco e-FATTURA XL13LG4