Spesso la gente nell’acquistare una bici da corsa usata fà una valutazione di derivazione automobilistica e controlla le gomme, cosa piuttosto insensata nel Mondo del ciclismo in quanto è facilissimo sostituire un copertoncino usurato.

In realtà ci sono diversi componenti che ci possono dare un’idea chiara e veritiera sull’usura di una bici da corsa usata.

 

La prima cosa da guardare, soprattutto per chi acquista solo ruote usate senza la bici completa, è la pista frenante dei cerchi: ruote anche belle ma con una pista frenante con il solco dei freni sono da considerarsi buone per la spazzatura. Quante volte si vedono ruote in carbonio a prezzi favolosi su internet, per poi scoprire che la parte dove passa il pattino freno è finita. Una situazione persino rischiosa: l’usura potrebbe rompere il cerchio. Una rottura nel momento della frenata può provocare una capriola a 360 gradi.

In ogni caso le ruote possono essere state sostituite, quindi è bene non fermarsi a questo parametro.

La Meccanica.

La seconda cosa da verificare è la guarnitura: il piede sfrega sulle pedivelle e le graffia. Questo succede un po’ a tutti, a chi più e a chi meno, ma sicuramente una pedivella totalmente senza vernice esterna vuol dire che ha fatto molti chilometri. E’ da valutare anche l’usura dei denti della guarnitura.

Catena e pacco pignoni sono scontati, bisogna controllarli, e ricordarsi che è sempre bene sostituirli in contemporanea per evitare salti di catena. Ci sono specifici attrezzi per controllare l’allungamento della catena. Averli fornirebbe un dato oggettivo sui km percorsi dalla catena della bici da corsa usata in questione.

Altra cosa che spesso la gente ignora è il controllo delle leve freno/cambio. Da queste non solo si può verificare guardando attentamente se hanno perso colore o lucidità, ma anche se la bici ha subito cadute. Le leve sono la prima cosa che picchia a terra generalmente, e se un piccolo graffio può voler dire che la bici è stata appoggiata maldestramente ad un muro, un grande graffio può voler dire che la bici ha subito una grossa caduta.

Anche un non perfetto allineamento della parte finale bassa del manubrio è sintomo di collisione.

Particolari.

Altro particolare è lo sfregamento delle guaine freno / cambio con il tubo sterzo: se il proprietario non ha avuto l’accortezza di proteggerle con del nastro trasparente o della gomma, le guaine sfregano e sono indice dell’anzianità reale della bici.

 

Spesso l’acquirente controlla la sella, ma in realtà questo è un componente soggetto a forte usura e sostituito frequentemente. Un componente più indicativo invece è lo stato dei pedali, e non della vernice dei pedali, che si toglie facilmente, ma di eventuali scalini nel piano del pedale o inclinazioni.

Detto questo, l’acquisto di un usato da un negoziante è sempre da consigliarsi. Il negozio è obbligato a dare per legge 1 anno di garanzia, e quindi avrà cura di vendere la bici nel miglior stato possibile, quello più sicuro. Evitate i “grandi affari” che si vedono spesso in giro: è difficile valutare tutto, si rischia di spendere una cifra molto più alta nel sistemare la bici in un secondo momento.

ORDINA LA TUA DACCORDI

Scegli la tua bici Daccordi dalla nostra collezione. Puoi decidere di averla selezionando tra le misure standard o fatta su misura per te, per le tue caratteristiche e per il tuo stile.

ORDINA LA TUA DACCORDI

DACCORDI © COPYRIGHT – 2018 ALL RIGHTS RESERVED

Daccordi S.r.l. - Via Ilaria Alpi 26/28 - 56028 - San Miniato Basso (PI), Italy | T. +39 0571 401447 - F. +39 0571 401512 | info@daccordicycles.com | daccordi@pec.daccordicycles.com
Cap.Soc. EURO 50.000, I.V.   |   C.C.I.I.A REA 150464   |   P.Iva IT01732790504   |  Cod. Univoco e-FATTURA XL13LG4