Tutto il Mondo ha visto la foto di Lance Armstrong mentre pedala su di una bici artigianale Moots, brand di un artigiano Americano. La notizia ha avuto un certo impatto nell’ambiente poiché oltre ad essere un nome noto quello di Armstrong è stato legato a Trek durante la sua carriera. Ovviamente tutti si sarebbero aspettati che un personaggio noto come lui, sia nel bene che nel male, proseguisse il rapporto instauratosi durante gli anni di attività.  

E’ molto diffuso l’approccio all’acquisto della bici usata dai professionisti in quanto si presume che  ciò sottintenda alla garanzia di un prodotto di qualità; in realtà questo è vero solo in parte,  vediamo il perché.

Partiamo dalla stessa parola “Professionisti”: non stanno facendo ciclismo per gioco, stanno lavorando. Questo implica uno stipendio dato dagli sponsor che sostengono gli atleti, aziende che vogliono un ritorno di immagine. Il professionista è per definizione “il vettore pubblicitario”, e come tale sicuramente non “sceglie” il proprio strumento, come spesso le pubblicità equivocamente dicono, ma viene concordato l’uso in base ad accordi economici.

E’ chiaro che lo sponsor tecnico si impegna a dare al professionista il meglio che può fare, e quindi il prodotto usato dai professionisti sarà un mezzo più che dignitoso, anzi un prodotto al top. Naturalmente mancherà della personalizzazione, perché sarà un mezzo che deve essere poi proposto al più grande numero di possibili acquirenti.

Prodotto Top e prodotto esclusivo sono due cose sottilmente differenti: il top è semplicemente quello che asseconda al meglio la richiesta del mercato del momento, con i componenti migliori e più recenti. Un prodotto esclusivo è un mezzo talmente personalizzato che il possessore può dirsi l’unico ad avere fra le mani questo specifico tipo di bici o accessorio. Non necessariamente un prodotto Esclusivo è anche un prodotto Top; si può anche semplicemente trattare di un buon mezzo anche se non estremo, ma in ogni caso personalizzato.

 

Daccordi - Acquisto bicicletta: perché preferire una bici artigianale

 

Lance Armstrong non è l’unico ex- Campione ad avere optato per una bici artigianale, e le voci di corridoio nell’ambiente del grande ciclismo dicono anche che alcuni Campioni in attività usano a volte bici artigianali che riproducono la stessa estetica dello sponsor ufficiale. Perché? Perché solo l’artigiano può costruire una bici sulle misure antropometriche dell’atleta ed ottenere così il massimo confort, elemento essenziale per persone che fanno dello sport il proprio lavoro e che devono passare svariate ore in sella al proprio mezzo.

Sicuramente poi nel caso di un ex corridore l’esperienza maturata in anni di attività fanno sì che si sia sviluppata l’idea di proprie geometrie del telaio e di componenti ottimizzati, tutte caratteristiche realizzabili dal mastro artigiano.

ORDINA LA TUA DACCORDI

Scegli la tua bici Daccordi dalla nostra collezione. Puoi decidere di averla selezionando tra le misure standard o fatta su misura per te, per le tue caratteristiche e per il tuo stile.

ORDINA LA TUA DACCORDI

DACCORDI © COPYRIGHT – 2018 ALL RIGHTS RESERVED

Daccordi S.r.l. - Via Ilaria Alpi 26/28 - 56028 - San Miniato Basso (PI), Italy | T. +39 0571 401447 - F. +39 0571 401512 | info@daccordicycles.com | daccordi@pec.daccordicycles.com
Cap.Soc. EURO 50.000, I.V.   |   C.C.I.I.A REA 150464   |   P.Iva IT01732790504   |  Cod. Univoco e-FATTURA XL13LG4